CIAO PA'!


A papà...


Grazie papà
Grazie papà!
Hai lasciato il corpo da poco... e sei tornato a casa.

Sono onorato di aver incrociato il tuo cammino su questa Terra.
Anche se a volte ti ho odiato, anche se la rabbia che spesso mi ha devastato è anch'essa un pò figlia tua e della mamma, anche se quando ero piccolo hai usato spesso le mani per educarmi, anche se hai sbagliato tanto, anche se alle volte non sei stato congruente coi tuoi valori e con le tue parole.
Figlio anche tu di una educazione spesso deleteria, figlio anche tu di una cultura che annienta l'essere umano, figlio anche tu di un sistema contro natura... hai fatto del tuo meglio... hai fatto quello che hai potuto... ti sei preso le tue responsabilità e sei andato avanti... a costo di farti male... di ingoiare dolore.
Come tanti non ti sei amato abbastanza e, come a tanti, la vita ti ha chiesto il conto alla fine.
Mi hai insegnato il rispetto, il coraggio, l'ironia satirica, il rispetto per le donne, la generosità, la forza d'animo, la sensibilità, ad essere uomo, il prendersi responsabilità, la lealtà, l'amore, la compassione, la pazienza, la calma.
Non sempre sei riuscito a mettere in pratica ciò che insegnavi... e non sempre io ho imparato e messo in pratica ciò che insegnavi... ma ci sei sempre stato.
A volte col giudizio e la critica, a volte con la rabbia, a volte con l'amore e la comprensione, a volte col silenzio... ci sei sempre stato.

Quando davanti a me il tuo cuore si è fermato, mi sono sentito io padre che cercavo di darti la vita... di darti una speranza... una nuova opportunità... come tu hai spesso fatto con me.
Non mi è riuscito tanto bene... non dipendeva più da me.
Sono comunque grato alla vita, perché, solo un'ora prima di vedere i tuoi occhi chiudersi, sentendo dentro me che non li avrei più visti aprirsi, sentendo dentro me che non avrei più sentito le tue braccia cingermi in un abbraccio, mi ha dato l'opportunità di vivere il tuo volto sorridente e la tua risata ancora un'ultima volta... mi ha dato l'opportunità in questi mesi di viverti ancora e di esserci nel momento difficile per la nostra famiglia.

Ti lascio dedicate alcune parole di una delle canzoni che cantavi in macchina quando ero piccolo... queste parole, in questi giorni, mentre aspettavo la notizia della tua fine terrena, mi sono girate in testa parecchio.

"Ninetta mia crepare di maggio ci vuole tanto troppo coraggio, Ninetta bella diritto all'inferno avrei preferito andarci d'inverno". (Fabrizio De Andrè)


Ciao pà!

Grazie di tutto.
Ti amo.


               Scritto da Andrea Cusati domenica, 8 maggio, 2016

9 commenti:

  1. Andrea.....bellissima...ti abbraccio..

    RispondiElimina
  2. Ci ha lasciato tanto,e quel che ci ha lasciato lo vediamo ogni giorno nei nostri comportamenti,modi d'essere,modi di parlare,canzoni,frasi.....il ricordo rimarrà impresso in noi!ti voglio bene Andre,ti voglio bene papà

    RispondiElimina
  3. Io ancora non ci credo...sto male...divorato dal dolore...non ho parole...non ne trovo molte..
    Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai piacere di fare due chiacchiere vieni a trovarmi... un abbraccio.

      Elimina
    2. Ciao. Andrea. Ti conosco , anche se tu non conosci me, perché sono amica di Yvan. Ho conosciuto tuo padre perché giocavamo a Bridge insieme..Era un uomo adorabile e molto simpatico. La sua improvvisa partenza mi ha sconvolta. Mi ha Prepotentemente ricordato che siamo qui di passaggio. Lui era ancora giovane, aveva più o meno l'età di mio marito. Ho letto il tuo commiato. Sono certa che sia stato un ottimo papà. Essere genitori è un compito molto difficile. Facciamo errori, perché siamo esseri umani, ma facciamo anche tante cose meravigliose, perché amiamo i nostri figli , più di noi stessi. Ecco, vorrei dire ate e a Yvan, che siete stati molto fortunati ad avere un papà come Lucio. Un abbraccio forte. Erika

      Elimina
    3. Grazie Erika.
      Un abbraccio grande anche a te.

      Elimina
  4. Ciao Andrea, mi dispiace molto per questo tuo lutto. Spero che presto passerà il dolore, lasciando il posto al caldo ricordo.
    Un abbraccio dalla Calabria, dove mi sono trasferita da un paio di mesi, proprio per i miei genitori che non stanno bene.
    Ciao

    RispondiElimina

Grazie anticipatamente del commento che ti sentirai di lasciare. Un abbraccio.