FUGA DAL GRIGIORE CITTADINO

Una giornata in città per ricordarmi perché ho scelto di vivere nel verde... e al verde :-)


Disegno che mostra una rete che diventa uccelli che volano via con sullo sfondo un prato e il cielo
Libertà
Ieri sono stato a Torino quasi una giornata intera.
L'utilità di questa giornata è stata confermarmi che ho fatto la scelta migliore per il mio benessere nel decidere di vivere qui in mezzo alla natura.

Non metto piede da un pò in una grande città molto cementata e trafficata e, girando per le strade, mi accorgo a un certo punto che d'istinto preferisco inoltrarmi in viali alberati o strade con qualche parchetto, come fossero oasi in un deserto per un assetato.
Così ripenso a quando lavoravo a Milano e mi accorgo che, scavando nei ricordi, anche lì, per andare in un posto a piedi, tendevo a passeggiare attraverso giardini pubblici, parchi o viali alberati.
Passeggiando a testa alta, guardando il cielo e facendomi baciare il viso dal sole, mi sento rilassato e, osservando le persone che mi stanno intorno, mi accorgo di essere l'unico a godermi ciò che ho intorno.
Mi fermo sotto un albero al bordo di un marciapiede e mi appoggio al tronco accarezzando la corteccia, intanto scruto le persone intorno a me.
Donne e ragazze infighettate per andare al lavoro o a scuola, camminano nervosamente veloci per raggiungere il luogo in cui si rinchiuderanno per diverse ore, incuranti della loro bellezza, del loro splendore, mi immagino come sarebbero ancora più meravigliose senza quei volti tirati dallo stress della quotidianità, senza quei sorrisi all'ingiù per tenere su maschere che nascondano l'umanità, senza quelle occhiaie causate da una vita di impegni fitti dove il divertimento diventa uno di questi da relegare in seconda serata.
Uomini con lo sguardo addormentato a leggere giornali che dicono più o meno tutti i giorni le stesse cose, aria da machi di altri tempi, qualcuno fuma, qualcuno corre, qualcuno ha gli occhi fissi sul cellulare, qualcuno non scolla gli occhi dal culo di quella che è appena passata.
Durante il giorno la musica non cambia.
Baristi e bariste, commessi e commesse, portinai e portinaie che si vede lontano un miglio che fanno un lavoro che non gli piace e non gli dà nulla, se non il soldo a fine mese.
Quanto vale la nostra vita di sequestrati in un posto per ore? 
Strade grigie, puzza di inquinamento e urine a ogni angolo, macchine di preservativi, manifesti pubblicitari che offendono l'intelletto, spacciatori, gente che dorme sulle panchine.
Alcune ragazze che passo, a turno mi chiedono:-"Andiamo?"
Dentro mi sento morire... soffocare.
Mi chiedo come cazzo ho fatto a vivere più di trent'anni tra Milano e provincia.
Non ce la faccio più e non vedo l'ora mi riportino indietro, a guardare quelle colline che non ti annoiano mai, a perdere la vista all'orizzonte, a vedere animali che volano e camminano, a sentire il rumore del silenzio, a respirare il profumo dei fiori.
Qui invece vige solo  la regola della persona ben piazzata professionalmente (quanto cazzo odio quando mi chiedono cosa faccio nella vita, come fosse un marchio a fuoco che devi avere), la regola del bel figo e della bella figa per l'apparire e l'immagine, la regola del non relazioniamoci troppo, la regola del non fidarti di nessuno, la regola del non sorridere, la regola del massacriamoci con il fumo, l'alcool, le droghe e i soldi ad ogni costo per far finta di sentirci bene almeno per un attimo.
Non voglio giudicare e non so dove mi porterà la mia vita, ma una cosa la spero e farò di tutto affinché si concretizzi: sarà più possibile lontano da tutto questo ad aiutare altre persone a staccarsene cominciando a vivere.

                   Scritto da Andrea Cusati sabato, 17 maggio, 2014


COPYRIGHT: quest'opera (testi, foto e video) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. Questo vuol dire che siete liberi di pubblicare e diffonderne i contenuti a patto che citiate la fonte originale. Qualunque uso dell'opera diverso da quanto espresso dall'autore è considerato violazione dei diritti d'autore. Grazie.

4 commenti:

  1. Condivido ogni passaggio Andrea. Sono con te... quando hai provato la Libertà, non ritorni più indietro, ad essere un CricetUmano Addestrato e Allevato in gabbia. Conosco bene, queste tue sensazioni. Il Verde e la Natura aiutano certamente, ma se il Blocco resta nella nostra mente e nelle nostre abitudini emotive, allora continueremo a subire l’influsso di queste abitudini che guidano la percezione di ciò che accade, diventando parte integrante del nostro modo di vedere la realtà. Queste abitudini hanno il potere di selezionare le cose a cui prestiamo attenzione e quelle che ignoriamo, senza che ci rendiamo conto del loro operare. Tu per tuo merito, lentamente, in questi ultimi anni hai cambiato prospettiva. Sei diventato per prima, ascoltatore e osservatore di queste abitudini e hai voluto trasformarle, oltre a cambiare anche territorio intorno a te. 1+1=3 ;) Complimenti per le tue scelte! :)
    http://goo.gl/Ejk3go

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero presto saranno le NOSTRE scelte. :-)
      Grazie delle belle parole Antonio.

      Elimina
  2. Anonimo disse: non riuscirai mai a sfuggire al costante scorrere dell'acqua e al fruscio degli alberi, se non dentro te stesso.

    RispondiElimina

Grazie anticipatamente del commento che ti sentirai di lasciare. Un abbraccio.