COS'E' IL COUNSELING

Attraverso la mia esperienza scolastica e il mio sentito racconto il mio counseling


Foto che mi ritrarae seduto di profilo su una sedia con di fronte un'altra sedia con seduto sopra il mio gatto Peppino e io ci parlo utilizzando il counseling come fosse un cliente
Mi alleno a fare counseling con Peppino
Il counseling è diventato la mia filosofia di vita.
Ho cominciato a vivere il counseling come uno strumento utilizzato dalla mia counselor per aiutarmi nei nostri incontri settimanali.
Compresi ben presto che il primo esercizio utile al mio benessere era portare il counseling nella mia vita, quindi farlo diventare parte integrante di me.
Data la dirompente vitalità provata sin dal primo incontro con questa counselor mi venne spontaneo iniziare a fare questo esercizio.
La difficoltà maggiore incontrata, che a volte ancora crea qualche resistenza in me, è stata ed è l'abitudine culturale in cui sono cresciuto per 35 anni, la quale mi porta istintivamente a comportarmi e ragionare in un certo modo.
Una volta ottenuti gli strumenti, sistemati con cura nel mio bagaglio personale, provai il forte desiderio di aiutare gli altri a costruirsi e utilizzare i loro strumenti, affinché potessero vivere la meraviglia della speranzosa gioia che provai io dopo anni di penombra, se non proprio di tenebra interiore.
Così iniziai una scuola di counseling, che tutt'ora frequento, facendo diventare il counseling lo strumento che voglio utilizzare per aiutare chi non vive bene la sua vita e vuole cambiare rotta, come io decisi di fare a suo tempo.
Ma cos'è il counseling?
Come per tutte le cose non so se possa esistere una verità assoluta e una definizione sola, senz'altro c'è una base tecnica standardizzata, ma io vorrei scrivere in questo post cosa è per me oggi il counseling, come lo vivo io nella relazione con gli altri e come strumento di aiuto.


COSA E' IL COUNSELING

Per me il counseling è innanzitutto ascolto di noi stessi e del nostro interlocutore.
Imparare ad ascoltare noi stessi per comprendere cosa accade in noi al fine di trovare nel nostro mondo interno le risorse necessarie per fare ciò che vogliamo e raggiungere così il nostro benessere
Imparando ad ascoltare noi stessi impariamo ad ascoltare gli altri.
Il counseling è libertà!
Libertà di esprimere ciò che si è davvero.

COS'E' IL COUNSELING PER UN FUTURO OPERATORE

Questo per quanto riguarda come io vivo il counseling personalmente.
Dato che a scuola sto imparando a utilizzarlo come strumento professionale per aiutare gli altri mi sembra doveroso anche il mio punto di vista da futuro operatore.
Il counseling è fondamentalmente relazione d'aiuto.
Il life coach o il counselor, i professionisti del counseling, guidano la persona che si rivolge a loro attraverso il suo mondo interno affinché ella riconosca e comprenda ciò che accade in lei, per poi aiutarla ad utilizzare le risorse, già a sua disposizione naturalmente, al fine di ottenere benessere, regalandogli infine questo meraviglioso strumento affinché possa utilizzarlo da sé in futuro.

COSA NON E' IL COUNSELING

A mio avviso è molto importante aver chiaro anche cosa non è il counseling.
Diverse persone, che sanno cosa studio a scuola, mi chiedono a volte di far due semplici chiacchiere per chiarirsi le idee su alcune situazioni di loro disagio quotidiano e la prima cosa che noto in molte di loro è che si aspettano tu abbia la bacchetta magica o la pozione miracolosa per guarire i loro "mali", si aspettano il consiglio giusto per una vita gioiosa e/o si aspettano il parere del dottore esperto che gli dica qual'è la cura.
Il counseling, per come lo intendo io, non è consigliare, non è una cura e non è un miracolo.

PERCHE' IL COUNSELING NON E' CONSIGLIARE

Non è consigliare poiché non sarebbe utile alla persona che mi chiede aiuto il fatto di consigliarle cosa farei io in una determinata situazione se fossi al posto suo e non le sarebbe utile neanche il fatto che io, se avessi vissuto un'esperienza simile alla sua, le consigliassi di fare quel che ho fatto io a suo tempo per venirne fuori.
Non è utile poiché ciò che a me fa star bene può essere molto diverso da ciò che fa stare bene un'altra persona, il benessere è soggettivo.
Se una persona, ad esempio, mi dice che non si sente bene nel continuare a frequentare un amico di vecchia data, per raggiungere il suo benessere potrebbe esserle utile tagliare i ponti con questa persona, mentre, fosse invece un mio amico di vecchia data, per il mio benessere potrei trovare più utile il chiarirmi con questo amico.
Chi può dirlo?
Non c'è giusto e sbagliato o vero e falso in queste cose, c'è solo il cosa fa stare bene ognuno di noi, per poi decidere in modo consapevole e utile che azione compiere al fine di raggiungere tale benessere.

IL COUNSELING E' GUIDA

Il counseling è guidare la persona attraverso sé stessa, senza giudizio e senza interpretazione, affinché possa trovare le risposte dentro di sé, perché solo la persona che sente un disagio provenire dal suo mondo interno sa quale soluzione sia migliore per lei al fine di trasformare il disagio in benessere. Per trasformare il disagio in benessere è utile guidare la persona alla comprensione del messaggio contenuto in quel disagio.
Proprio per questo la prima parola che mi viene in mente pensando al counseling è: ASCOLTO.
L'ascolto empatico è determinante per un operatore.
Per riuscire ad ascoltare in modo empatico bisogna avere un ottimo equilibrio psichico proprio.
Proprio per questo a scuola lavoriamo molto anche su noi stessi a livello personale, oltre che sulla teoria e la pratica.
Le volte che mi sono sentito centrato come persona e ho fatto due chiacchiere con qualcuno che viveva un periodo di difficoltà, mi colpì molto il fatto di riuscire a sentire l'altra persona dentro di me in modo incredibile, riuscivo a comprenderla e a trovare le parole migliori per guidarla nel suo mondo interno, quasi le parole uscissero spontanee dalla mia bocca.

IL COUNSELING NON E' PSICOLOGIA

Il counseling non è psicologia, il counselor e il mental coach non sono dottori.
Ecco perché dicevo all'inizio che il counseling non è da intendersi come una cura, né come una terapia.
Gli operatori hanno nozioni di psicologia proprio per comprendere se possono essere utili a una persona oppure se è più utile al suo benessere indirizzarla da uno specialista.
Tuttavia vi sono psicoterapeuti e psicologi che utilizzano anche il counseling, ma la loro qualifica professionale resta quella di psicoterapeuta o psicologo che ha ottenuto eventuali attestati di counseling.

CI SONO DIVERSE SCUOLE DI COUNSELING

Il counseling ha una struttura di base uguale per tutti, tuttavia ci sono oggi diverse scuole di counseling che insegnano un counseling, diciamo così, "semplice" oppure un counseling con un metodo integrato.
Il counseling insegnato nella scuola che frequento utilizza il metodo integrato MCR, ad esempio.

SALUTI

Mi auguro che questo post vi sia stato utile a comprendere in modo esaustivo cosa sia il counseling, se non lo conoscevate.
Aspetto vostri commenti per eventuali chiarimenti, osservazioni e/o qualsiasi cosa vi salti in mente. :-)
Un abbraccio a tutti.
Buona giornata.

                 Scritto da Andrea Cusati martedì, 11 febbraio, 2014


COPYRIGHT: quest'opera (testi, foto e video) è protetta dai diritti d'autore rilasciati da Creative Commons. Questo vuol dire che siete liberi di pubblicare e diffonderne i contenuti a patto che citiate la fonte originale. Qualunque uso dell'opera diverso da quanto espresso dall'autore è considerato violazione dei diritti d'autore. Grazie.

2 commenti:

Grazie anticipatamente del commento che ti sentirai di lasciare. Un abbraccio.